Il presente sito web utilizza i cookie, compresi quelli per scopi pubblicitari, cookie dei social media e cookie analitici. Per sapere quali cookie utilizziamo e in che modo è possibile modificare le impostazioni dei cookie, fare clic qui. Continuando a navigare sul presente sito web, l'utente accetta il nostro utilizzo dei cookie

  Per saperne di piu'

Approvo

Il presente sito web utilizza i cookie, compresi quelli per scopi pubblicitari, cookie dei social media e cookie analitici. Per sapere quali cookie utilizziamo e in che modo è possibile modificare le impostazioni dei cookie, fare clic qui. Continuando a navigare sul presente sito web, l'utente accetta il nostro utilizzo dei cookie

Sindrome dolorosa lombosacrale

La sindrome dolorosa lombosacrale (con o senza irradiazione del dolore agli arti inferiori), può essere legata a molteplici fattori patologici.

Soprattutto nei pazienti anziani, l’artrosi vertebrale e la degenerazione discale innescano processi infiammatori locali che sono la causa principale del dolore cronico lombosacrale. Mediante l’introduzione di una sonda contenente una piccola fibra ottica nel canale vertebrale (spazio epidurale), è possibile esaminare il canale stesso (spazio nel quale decorrono i nervi) ed individuare così le aree maggiormente colpite dal processo infiammatorio o ricche di tessuto cicatriziale, esito di processi infiammatori o, in alcuni casi, di interventi chirurgici per ernia discale (Sindrome post laminectomia lombare).

Mediante la periduroscopia, sotto visione diretta e con l’ausilio di particolari strumenti (pinze da biopsia, cateteri di Fogarty, elettrobisturi a risonanza quantica detti “Resablator”) è possibile eliminare tale tessuto cicatriziale che può essere causa di dolore per trazione sui tessuti nervosi, ed eliminare i fattori che sottendono al processo infiammatorio lombosacrale (citokine ed interleukine).

Tramite un opportuno canale infusivo, nella peridurolisi è inoltre possibile infondere farmaci nelle aree maggiormente colpite a scopo terapeutico.

La procedura viene eseguita in anestesia locale, in sala operatoria e può durare dai 20 ai 40 minuti, anche in funzione delle complessità del quadro patologico riscontrato. In alcuni casi particolarmente complessi, è possibile eseguire dei prelievi di tessuto per esame citologico ed istologico, potendo così scoprire forme legate ad infezioni virali o batteriche, frequenti nelle sindromi dolorose croniche, specie in pazienti plurioperati alla colonna vertebrale lombare, ed individuare così il tipo di trattamento farmacologico più adeguato.

I rischi della procedura sono molto contenuti, essendo le manovre eseguite sotto visione diretta e le controindicazioni sono per lo più legate alla presenza di patologie del SNC, in particolare l’epilessia, le emorragie cerebrali e retiniche pregresse, le malattie nervose degenerative e le neoformazioni del canale spinale.

Il beneficio terapeutico può durare molti mesi e l’esame può essere ripetuto in caso di necessita.

 
Partners:
           
     
     
     
     
     
     
     

 

 

   
Studio S.A.T.A.
Dr. Rodolfo Bucci
Anestesiologia. Terapia e cura del dolore.
Telefono: +39 0125 613183
Mobile:    +39 339 3575006
Email:      bucci@studiosata.eu
Via Circonvallazione, 6, 10010 Banchette d'Ivrea (TO)
P.I. 02139660019
               

 

© 2017 Studio SATA.