Il presente sito web utilizza i cookie, compresi quelli per scopi pubblicitari, cookie dei social media e cookie analitici. Per sapere quali cookie utilizziamo e in che modo è possibile modificare le impostazioni dei cookie, fare clic qui. Continuando a navigare sul presente sito web, l'utente accetta il nostro utilizzo dei cookie

  Per saperne di piu'

Approvo

Il presente sito web utilizza i cookie, compresi quelli per scopi pubblicitari, cookie dei social media e cookie analitici. Per sapere quali cookie utilizziamo e in che modo è possibile modificare le impostazioni dei cookie, fare clic qui. Continuando a navigare sul presente sito web, l'utente accetta il nostro utilizzo dei cookie

Dolore Sacro Iliaco

Il dolore sacro iliaco derivante da una patologia che interessa l'articolazione Sacroiliaca (SIJ), rappresenta un 20% delle cause di dolore lombare.

L’incidenza di tale patologia è sicuramente aumentata negli ultimi 10 – 15 anni, e questo è legato a molteplici fattori tra cui i seguenti:

  1. Aumento del numero di pazienti operati al rachide lombare (artrodesi vertebrali)
  2. Aumento dei pazienti portatori di artroprotesi totale d’anca (ATA)
  3. Aumento di attività comportanti un sovraccarico a livello SIJ
  4. Mancata diagnosi di dolore sacroiliaco
  5. Mancanza di dispositivi dedicati al trattamento del dolore sacroiliaco.

Il dolore sacro iliaco colpisce per lo più i pazienti anziani (oltre i 60 anni), operati al rachide lombare o di AT1, affetti da spondilosi lombare od osteoporosi severa o patologie reumatiche (in particolare spondilite anchilosante).

Dolore sacro iliaco: chi colpisce?

Nei giovani, le cause del dolore sacro iliaco possono essere traumatiche, secondaria a parto distcico (frequente nelle donne giovani), da displasia congenita d’anca, patologie reumatiche o in esiti di chirurgia vertebrale.

La diagnosi è frequentemente di SEDE (dolore al di sotto della Spina Iliaca posteriore superiore, spesso monolaterale non modificatasi con la postura).

Alcuni test evocatici (in particolare il test di FABER) possono essere indicativi di dolore sacro iliaco (che può peraltro mimare una coxalgia od una sciatalgia, specie nel metamero S1), ma la diagnosi di certezza può solo essere fatta dopo “infiltrazione selettiva Rx guidata intrarticolare" e con anestetico locale.

Tale infiltrazione deve essere fatta in modo selettivo e solo sotto guida fluoroscopia, e può essere ritenuta positiva se il dolore si riduce almeno del 60-80%.

Se il block-test effettuato avrà dato esito positivo (scomparsa o significativa riduzione del dolore per qualche giorno)la risoluzione terapeutica è rappresentata dalla neurolisi in radiofrequenza della sincondrosi sacro-iliaca.

 

 
 Block Test Infiltrazione Articolazione Sacro Iliaca    Introduzione mezzo di contrasto

il repere ( in nero ) indica il punto esatto di introduzione.

 

che risulta confinato all'interno dell'articolazione 

 


 

 
Partners:
           
     
     
     
     
     
     
     

 

 

   
Studio S.A.T.A.
Dr. Rodolfo Bucci
Anestesiologia. Terapia e cura del dolore.
Telefono: +39 0125 613183
Mobile:    +39 339 3575006
Email:      bucci@studiosata.eu
Via Circonvallazione, 6, 10010 Banchette d'Ivrea (TO)
P.I. 02139660019
               

 

© 2017 Studio SATA.